fbpx
Top
 

Pellegrinaggi in Albania da Malpensa

€845 a persona

Tra le novità del 2019 abbiamo deciso di proporre un pellegrinaggio in Albania, la terra di natia di Madre Teresa di Calcutta che nacque a Skopje nel 1910 (quella che è oggi è la capitale della Macedonia, a quel tempo era una florida cittadina del Regno d’Albania, a sua volta parte del grande e ormai decadente Impero Ottomano). Madre Teresa, proclamata prima Beata da Papa Giovanni Poalo II e nel 2016 Santa da Papa Francesco, fondò la congregazione religiosa delle Missionarie della Carità. Il suo lavoro tra le vittime della povertà di Calcutta l’ha resa una delle persone più famose al mondo. Ha ricevuto il Premio Nobel per la Pace nel 1979. L’Albania al centro dell’Europa e pure così mediterranea con mari, laghi, fiumi, monti e valli dove non mancano nè il sole nè la neve, un paese con chiese e moschee caratterizzato dallo spiccato senso di tolleranza religiosa originata dalla secolare convivenza di fedi diverse che ha dato origine ad uno straordinario esempio di coabitazione e rispetto reciproco, fenomeno senza pari nel continente europeo.

Date disponibiliPrezzo
dal 30-09-19 al 05-10-19 €845
6 giorni
di Gruppo
1
Primo giorno: Milano - Tirana - Kruja - Scutari
In mattinata ritrovo dei partecipanti in aeroporto e partenza per Tirana con volo diretto. Arrivo, incontro con la guida e trasferimento a Kruja, la città natale di Skanderberg, eroe nazionale ritenuto il difensore dell’Europa cristiana. Pranzo in ristorante e visita della città medievale con la fortezza, il museo di Skanderbeg dedicato al padre fondatore del sentimento nazionale Albanese, il museo etnografico e il vecchio bazar. Kruja è nota anche per i numerosi tekkè, luoghi di culto e di preghiera bektashiani. Arrivo in serata a Scutari, adagiata sulle sponde dell’omonimo lago e considerata la culla della cultura albanese. Sistemazione in albergo. Cena e pernottamento.
2
Secondo giorno: Scutari - Lac - Durazzo
Pensione completa. In mattinata visita della città di Scutari che ben rappresenta la tolleranza religiosa di cui gli Albanesi vanno fieri: a poca distanza l’uno dall’altro sorgono tre importanti luoghi di culto: la Grande Moschea (Ebu Bekr), la Cattedrale ortodossa e quella cattolica di Santo Stefano, la più grande cattedrale cattolica dei Balcani. Proseguiamo con la visita del Castello di Rozafa che domina la città dall’alto di una collina. Partenza per Durazzo con sosta al Santuario di Sant’Antonio da Padova, importante metà i pellegrinaggi che culminano nei festeggiamenti del 13 giugno. Nel pomeriggio arrivo a Durazzo, una delle città più antiche dell’Albania e principale porto del Paese. Visita panoramica della città con le mura difensive, la torre veneziana e l’anfiteatro romano. Sistemazione in albergo.
3
Terzo giorno: Durazzo - Berat - Aredica - Verona
Pensione completa. Partenza per Berat, città ottomana perfettamente conservata ed emblema della convivenza pacifica tra fedi diverse. Chiamata la “città dalle mille finestre”, è stata dichiarata dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità. Visiteremo il Castello, arroccato su uno sperone roccioso, che conserva, all’interno di un’imponente cinta muraria, un nucleo urbano praticamente intatto, tutt’ora abitato, e numerose chiese sopravvissute ai secoli. Di particolare interesse la Chiesa San Teodoro e quella di Santa Maria con il Museo delle Icone Onufri. Ai piedi del Castello, sulle due sponde opposte del fiume Osum, si trovano il quartiere musulmano di Mangalem e quello cristiano di Goriza, collegati da un ponte pedonale, con abitazioni dei secoli XVIII e XIX. Trasferimento ad Ardenica e breve visita dell’omonimo Monastero ortodosso splendidamente affrescato. Arrivo in serata a Valona e sistemazione in albergo.
4
Quarto giorno: Valona - Butrinto - Saranda
Pensione completa. Partenza verso il sud dell’Albania percorrendo la strada costiera in un susseguirsi di panorami mozzafiato a picco sul mare cristallino. Visita del sito archeologico di Butrinto, il più importante dell’Albania, dichiarato dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità. Situato su un promontorio roccioso affacciato sul canale Vivari e immerso in un parco naturale, conserva le tracce dei grandi imperi che dominarono la regione nell’arco di due millenni, dai templi ellenistici del IV secolo a.C. ai sistemi difensivi ottomani del primo Ottocento. Trasferimento a Saranda e sistemazione in albergo.
5
Quinto giorno: Saranda - Arigrocastro - Tirana
Pensione completa. Partenza per Argirocastro con sosta al famoso Occhio Blu, una meravigliosa sorgente carsica dalle acque di un intenso colore azzurro. Tutt’intorno, la roccia calcarea e la vegetazione rigogliosa conferiscono a questo luogo un fascino fiabesco. Arrivo ad Argirocastro e visita della città vecchia, dichiarata dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità. Edificata a partire dal XII sec. attorno al castello, conserva splendidi edifici in stile ottomano e case tradizionali, costruite in pietra bianca e con i tetti in ardesia, che hanno valso alla città il soprannome di “Città di pietra”. Ingresso al Castello che domina la pianura sottostante dall’alto di uno sperone roccioso. Al suo interno si trova il Museo Nazionale delle Armi. Proseguimento per Tirana. Sistemazione in albergo.
6
Sesto giorno: Tirana - Milano
Prima colazione. Mattinata dedicata alla visita della capitale albanese: Piazza Skanderbeg, la Moschea di Et’hem Bey, la Torre dell’Orologio, il Museo Nazionale e la cattedrale cattolica di San Paolo. Pranzo in ristorante. Nel pomeriggio trasferimento in aeroporto e partenza per il rientro in Italia.
  • Documento richiesto
Passaporto/carta d'identità valida per l'espatrio: : è necessario viaggiare con uno dei due documenti che abbia una scadenza superiore di almeno tre mesi alla data di rientro dall’Albania. Per i cittadini UE non è necessario il visto d'ingresso. Si rammenta tuttavia che la normativa albanese sul soggiorno degli stranieri prevede che non si possa soggiornare nel Paese per un periodo superiore a 90 giorni nell'arco di 6 mesi.
  • Orario
Nessuna differenza oraria con l'Italia.
  • Clima e abbigliamento
Consigliamo un abbigliamento pratico, improntato alla stagione in corso, e scarpe comode. Generalmente, per accedere ai ristoranti degli alberghi sono richiesti i pantaloni lunghi. Non dimenticare farmacia da viaggio, crema solare, cappello e occhiali da sole. Ci permettiamo di raccomandare a tutti di improntare il proprio abbigliamento allo spirito del Pellegrinaggio.
  • Valuta
La moneta locale è il Lek (€ 1 = 133 Leke circa). E’ generalmente possibile pagare merci e servizi in Euro anche se il resto viene dato in Leke. Il cambio può essere effettuato nelle banche o negli alberghi. Le principali carte di credito sono largamente accettate in tutto il Paese. E’ inoltre possibile prelevare contanti dagli sportelli automatici (ATM) con carte di credito/bancomat di circuito internazionale.
  • Lingua
La lingua ufficiale è l'albanese, largamente diffuso anche l'italiano e l'inglese.
  • Telefono
Per telefonare in Albania comporre lo 00355 seguito dal prefisso della località senza lo zero e dal numero desiderato. Per telefonare in Italia da Israele, comporre lo 0039 seguito dal prefisso della città con lo zero, più il numero dell’abbonato. Rete cellulare: ben coperto quasi tutto il territorio nazionale (segnale più debole nella zona nord-orientale del Paese). Operatori presenti: Vodafone Albania, Eagle Mobile, Telekom Albania (Deutsche Telekom) e Plus; la rete diffonde attualmente anche il segnale 4G. Sono abbastanza diffusi nei locali pubblici (inclusi bar e ristoranti) punti di accesso ad internet Wi-Fi offerti in uso gratuito dai gestori dei locali attraverso la comunicazione ai clienti della password necessaria.
  • Elettricità
La corrente è a 220 volt e le prese sono di tipo europeo a doppio ingresso.
  • Cucina
La cucina albanese (in albanese: kuzhina shqiptare), è l'espressione dell'arte culinaria sviluppata in Albania, con influenza della cucina mediterranee e delle altre nazioni dei Balcani. Infatti, il territorio albanese è stato occupato dall'Italia durante il periodo della grande guerra, e dall'impero ottomano per circa cinque secoli, venendo così influenzata la tradizione e il modo di cucinare originario.
Le quote comprendono:
  • Viaggio aereo in classe economica con voli di linea.
  • Tasse aeroportuali e di sicurezza.
  • Un bagaglio da 10 Kg.
  • Trasferimenti visite ed escursioni da programma.
  • Alloggio in alberghi 4 stelle (classificazione locale) in camere doppie con servizi.
  • Trattamento di pensione completa.
  • Ingressi ai siti indicati nel programma.
  • Guida locale parlante italiano.
  • Assistenza tecnica e spirituale.
  • Assicurazione medico, bagaglio e annullamento viaggio.
  • Materiale a supporto viaggio.
Le quote non comprendono:
  • Quota iscrizione € 50.
  • Bevande.
  • Bagaglio in stiva.
  • Mance.
  • Extra di carattere personale.
  • Tutto quanto non espressamente indicato sotto la voce: “le quote comprendono”.
Supplementi
  • Camera singola: € 35 a notte
  • Bagaglio grande in stiva: su richiesta
  • Posto assegnato a bordo: su richiesta
Riduzioni
  • Bambino (2-12 anni non compiuti) in camera tripla con due adulti: 20%