fbpx
Top
 
proposte particolari di pellegrinaggio

Proposte particolari di pellegrinaggi: ecco le mete da non perdere!

Un pellegrinaggio è sempre un’esperienza unica. Un momento privilegiato di raccoglimento spirituale e di condivisione della fede. Tutti i pellegrinaggi provocano emozioni intense in chi li pratica e, se vissuti con pienezza, lasciano ricordi indelebili. Noi di Rusconi Viaggi lo sappiamo bene e siamo sempre alla ricerca di “nuove” (anche se antiche) destinazioni religiose da proporvi, consapevoli che ogni parte del mondo custodisce luoghi ricchi di storia e di fede, tutti da scoprire. Ecco la nostra selezione di proposte particolari, mete fuori dai circuiti più battuti e per questo permeate da una spiritualità autentica e imperdibile.

Albania, non perdere le partenze del 30 settembre e 5 ottobre

Meta balcanica solo recentemente scoperta dal turismo, l’Albania è tra le nostre proposte particolari perché offre ai visitatori una natura ancora intatta, acque cristalline e spiagge pulite, siti archeologici, città antiche e interessanti luoghi di culto. Il tutto condito dalla cordialità degli abitanti e da un’appetitosa cucina locale. L’Albania è anche la patria di Madre Teresa di Calcutta, nata a Skopje nel 1910.
Con partenze da Malpensa e Orio (tour di 6 giorni), si raggiunge la vivace capitale Tirana, alla scoperta poi della città medioevale di Kruja, con la fortezza, il museo, il bazar e i tanti luoghi di culto e di preghiera bektashiani. Scutari, la città della tolleranza religiosa, colpisce invece per la singolare particolarità di ospitare, a poca distanza fra loro, la Grande moschea, la Cattedrale ortodossa e quella cattolica di Santo Stefano. Prima di raggiungere Durazzo, visita al Santuario di Sant’Antonio da Padova e, dopo aver scoperto Durazzo, partenza per Berat, la città ottomana splendidamente conservata, simbolo della convivenza pacifica fra fedi diverse e detta “delle mille finestre”; è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco. Da Valona, percorrendo la strada sulla costa e godendo di panorami mozzafiato a picco sul mare, si raggiunge il sud dell’Albania, per arrivare al sito archeologico di Butrinto, altra perla dichiarata Patrimonio dell’Umanità Unesco, immersa in un parco naturale. Argirocastro ospita invece il famigerato Occhio blu, una sorgente carsica di acqua turchese immersa nella vegetazione rigogliosa. Il centro storico di Argirocastro è anch’esso Patrimonio dell’Umanità Unesco. Il tour si conclude a Tirana, con visita panoramica della città.

Puglia e Matera, dal 21 al 26 ottobre e dal 10 al 13 settembre

Pellegrinaggio di sei giorni con partenza in confortevoli pullman da Varese, Lecco e Milano e possibilità di salita lungo il tragitto ai caselli dell’autostrada Milano-Bologna. Si parte verso Manoppello, in Abruzzo, con visita alla Basilica del Volto Santo, e si prosegue poi alla volta di Vasto e quindi per Matera, in Basilicata, capitale europea della Cultura 2019 e Patrimonio Mondiale dell’Umanità Unesco. Visita della “città dei sassi” e di tutte le sue antichissime bellezze. Il viaggio continua verso la Puglia centrale per raggiungere Alberobello, il villaggio delle Murge famoso per la presenza dei trulli, riconosciuti dall’Unesco come Patrimonio dell’Umanità. Visita successiva al centro storico di Locorotondo e alla chiesa madre di San Giorgio. Si prosegue in seguito per Ostuni, la “città bianca”, con le sue stradine e le caratteristiche casette bianche del centro storico, dominato dalla cattedrale dedicata all’Assunta. A Bari, visita del borgo antico con il Castello Svevo, la Cattedrale e la Basilica di San Nicola. Prima di proseguire verso San Giovanni Rotondo, sosta a Trani presso l’imperdibile Cattedrale del Mare. Successivamente, visita dei luoghi dove visse e operò San Pio da Pietrelcina e di Monte Sant’Angelo con il santuario dedicato a San Michele. Sulla strada del ritorno, sosta a Loreto alla scoperta del Santuario della Santa Casa. Quella di Puglia e Matera è senza dubbio una delle proposte particolari di pellegrinaggio più amata dai viaggiatori.

Libano, dal 22 al 28 settembre

Con comodi voli di linea Alitalia da Malpensa, Linate e Roma è possibile raggiungere il Libano, Paese dalla storia millenaria che rientra tra le nostre proposte particolari di pellegrinaggio anche perché si distingue nel panorama degli stati arabi per la consistente presenza cristiana. Il viaggio prevede l’arrivo a Beirut e l’immediato trasferimento ad Harissa, per la visita alla Basilica di Nostra Signora del Libano, fondamentale meta di pellegrinaggio per musulmani e cristiani. Un’escursione nella Valle di Qadisha permette di scoprire il Monastero di S. Antonio “Qozhayya” mentre proseguendo fino alle città del poeta Kahalil Gibran si giunge alla Foresta dei Cedri, Patrimonio Mondiale dell’Umanità Unesco. Altro Patrimonio Unesco è Jbeil, città di origine fenicia, considerata la più antica abitata al mondo. Un gioiello da visitare con attenzione per poi proseguire verso le magnifiche Grotte di Jeita, lunghe ben 9 chilometri e attraversate da un fiume sotterraneo. A Batroun, visita al Monastero di San Giuseppe a Jrabta e poi al Monstero di Kfifan. Il Monastero di San Maroun ad Annaya è un altro importante luogo di pellegrinaggio, dove è possibile partecipare alla S. Messa nella chiesa di San Charbel. Trasferimento a Tiro, città libanese situata sulla costa, per effettuare una visita al sito archeologico. Sosta al famoso Castello del Mare prima di raggiungere Sidone, e di nuovo sosta a Maghdouche e visita al santuario di Nostra Signora dell’Attesa. Un’escursione nella Valle della Beqaa consente di scoprire il sito archeologico, Patrimonio dell’Umanità Unesco, di Baalbek; si prosegue poi verso il santuario di Nostra Signora di Bechouat, importante luogo di pellegrinaggio e di culto. A Beirut, infine, visita panoramica della città con sosta anche alla basilica greco-melchita di Saint Paul per ammirarne, tra le tante bellezze, i meravigliosi mosaici.

Repubbliche Baltiche, dal 6 all'11 luglio e dall'8 al 13 agosto

6 giorni partendo da Orio al Serio per scoprire le Repubbliche Baltiche, la miglior occasione per visitare Vilnius, Riga e Tallin, tre città gioiello, culturalmente diverse e visitabili in un unico e completo itinerario che va a toccare i luoghi più interessanti di questa metà che rientra nelle nostre proposte particolari. Si vola su Vilnius, la capitale lituana, che conserva capolavori gotici, rinascimentali e barocchi e una serie infinita di edifici storici, una miriade di chiese e il famoso santuario della Divina Misericordia che ospita l’immagine autentica di Gesù Misericordioso, dipinta seguendo le indicazioni di Santa Faustina Kowalska. Visita di Trakai, l’antica capitale. Nel trasferimento verso Riga e la Lettonia, sosta al santuario di Šiluva, dove ebbe luogo un’apparizione della Vergine. Visita alla suggestiva Collina delle Croci, l’altura dove i pellegrini, nel corso del tempo, hanno piantato oltre 100.00 croci. A Riga, visita della città, la più grande delle tre capitali baltiche e ricca di stili architettonici differenti. Nel viaggio verso Tallin, capitale dell’Estonia, sosta al castello di Turaida, risalente al 1214 e poi a Parnu, capitale estiva del Paese. Tallin offre uno dei borghi antichi fortificati di epoca medioevale meglio conservati del Nord Europa. Tra le tante visite alle bellezze del posto, non mancheranno quella alla Collina di Toompea con il duomo protestante e la cattedrale ortodossa e quella alle suggestive rovine del monastero di Santa Brigida, datato 1417.

Giordania biblica, dal 28 dicembre al 2 gennaio 2020

Una nota a sé tra le proposte particolari di pellegrinaggio la merita senza dubbio la formula di viaggio Giordania biblica, 6 giorni alla scoperta delle incomparabili bellezze di uno dei Paesi più affascinanti del mondo. Da Orio al Serio si vola su Amman per raggiungere subito Madaba, detta la città dei mosaici, dove la chiesa San Giorgio conserva il mosaico pavimentale che riproduce la più antica mappa della Terra Santa, una testimonianza arrivata fino a noi dai monaci del VI secolo. Trasferimento al Monte Nebo, luogo molto venerato nel Paese, dove la leggenda vuole che Mosè morì e fu sepolto. Sosta a Wadi Kharrar, dove Giovanni Battista battezzò Gesù. Nel viaggio verso il Sud del Paese, ci si ferma a Mukawir, per osservare le rovine della fortezza erodiana in cui San Giovanni Battista trovò il martirio. A Umm Al-Rasas visita alla chiesa di Santo Stefano, mentre nel tragitto verso Petra sarà possibile ammirare l’imponente castello di Kerak, gioiello dell’architettura militare. Petra, l’antica città dei Nabatei, detta anche la città rosa, nonostante l’afflusso di turisti conserva intatta la sua magica atmosfera. Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco dal 1985, Petra è incastonata dentro le montagne ed è completamente scavata nella roccia. Oggi, proprio come un tempo, è raggiungibile solo a piedi o a cavallo. Dopo una giornata dedicata alla sua scoperta, il pellegrinaggio prosegue verso Beidha, sito archeologico antichissimo, basti pensare che le sue rovine sono vecchie 9.000 anni. Da qui, escursione in fuoristrada al Wadi Rum, uno dei deserti più scenografici del Pianeta, con i suoi paesaggi lunari, rocce e sabbia dalla varietà cromatica senza pari. Persino il leggendario Lawrence d’Arabia ne rimase incantato. Gerasa è invece chiamata la Pompei d’Oriente, ricchissima di monumenti storici è la città romana in Medio Oriente meglio conservata. Visita di Umm Qais, citata con il nome di Gadara nel Vangelo di Matteo, con le sue rovine di epoca romana. Sosta al Santuario di Nostra Signora della Montagna, ad Anjara, edificato sulla grotta dove si ritiene trovarono riparo Gesù e sua Madre nel corso del loro viaggio tra il mar di Galilea, Betania oltre il Giordano e Gerusalemme. Ad Amman, prima del rientro, visita panoramica della città.

Messico, dal 24 ottobre al 2 novembre

Per questa straordinaria meta inserita nelle nostre proposte particolari si parte da Malpensa per Città del Messico con voli di linea, in un viaggio indimenticabile delle durata di 11 giorni. Principale meta del viaggio è la Basilica di Nostra Signora di Guadalupe, il santuario mariano più visitato al mondo, dove nel 1531 la Vergine apparve a un indio messicano. Dopo una giornata dedicata alla conoscenza della Basilica, il viaggio prosegue verso Puebla, città Patrimonio Mondiale dell’Umanità Unesco, con visita della chiesa di Santo Domingo de Guzmán con la sua Cappella del Rosario e della bellissima Cattedrale. Trasferimento a Santiago de Querétaro, antico luogo di divulgazione della fede cattolica, dove cresce un particolare albero con spine a forma di croce. Sosta per la notte e per una visita il giorno dopo a San Miguel de Allende, la città considerata migliore al mondo per qualità dell’aria, dei servizi, dell’architettura e gastronomia, ricca di interessanti luoghi di culto. Si prosegue verso Guanajuato, anch’essa Patrimonio Unesco, dal caratteristico centro storico con vie sotterranee uniche nel Paese e la Basilica di Nostra Signora di Guanajuato. Meta successiva è il Cristo del Cerro del Cubilete situato a quasi 3.000 metri di altitudine, dove sorge un magnifico santuario che ospita una statua del Cristo Redentore alta oltre 22 metri. Prima di arrivare al santuario dedicato all’immagine dell’Immacolata Concezione, visita alla chiesa di San Toribio. A Zapopan si scoprirà la Basilica di Nuestra Señora de Zapopan, la Madonna miracolosa protettrice dalle malattie; successivamente partenza per Morelia, con le sue belle costruzioni coloniali, lo splendido Santuario Guadalupe nel convento di San Diego e la cattedrale cittadina, una delle più scenografiche del Messico. Tappe successive sono: Pátzcuaro, con fermata alla scoperta della miracolosa Basilica di Nuestra Señora de la Salud e della Casa de los once patios, e Città del Messico per una visita panoramica della città dove, chi lo desidera, potrà approfondire ulteriormente la conoscenza della Basilica di Guadalupe, già ampiamente visitata all’inizio del viaggio.